Per i familiari

Per  i familiari (mogli, mariti, figli, o genitori a carico) è in genere impossibile vivere nel grave disordine generato dal disturbo e dalle dinamiche relazionali conseguenti senza esserne toccati emotivamente e talvolta fisicamente.

4 Thoughts on “Per i familiari

  1. claudia on 8 settembre 2015 at 22:50 said:

    Sono figlia di una madre sofferente da disposofobia che ha creato all’interno della famiglia forti sofferenze perché il disturbo e sempre stato relegato all’interno della casa ed è rimasto a carico dei famigliari. La nostra realtà famigliare non è mai stata presentabile alla esterno a causa di questo problema, il medico di famiglia più volte interpellato ha sempre sostenuto l assenza di alcuna patologia senza dimostrare interesse di approfondimento. Noi figli abbiamo subito fino ad oggi il problema; con nostra madre alla soglia degli 80 anni e con un ulteriore grande sforzo per far interessare assistenti sociali e giudici tutelari siamo riusciti ad ottenere la sua tutela che è andata ad un avvocato. Adesso assistiamo alla semplice gestione economica del genitore. È stato operato lo svuotamento di una casa magazzino che mia madre aveva creato senza avviso e senza prepararla tanto che questo è stato causa di un grande stress da parte del genitore che ha visto la cosa come uno strappare una parte di sé stessa. La sensazione è quella di essere in balia oltre che della situazione anche di persone poco preparare a gestire una patologia come questa se non anche poco interessate alla persona in quanto tale.

    • Jessica on 23 dicembre 2018 at 22:58 said:

      Purtroppo per la maggior parte della gente, anche se adesso forse i tempi migliorano, anche mia madre è sempre stata considerata una che non sapeva tenere la casa o molto disordinata, Ma gli accumulatori non sono questo e e soprattutto se tocchi la roba e la porti via si infuriano

  2. Lara on 12 giugno 2019 at 13:04 said:

    I miei vivono circondati da cianfrusaglie e il problema è che non vogliono liberarsene, con evidenti disagi anche d’igiene; ci sono aree di casa impraticabili per sporcizia, odore nauseante e accumulo vario…e l’accumulo è esteso ad ogni singola cosa in loro possesso…una macchina col bagagliaio inutilizzabile e non solo…garage vari pieni di roba vecchia di nessun valore peraltro e anche se avessero valore non sanno fare altro che accumulare… una casa vuota e vecchia dei primi del novecento e ormai disabitata da oltre 20 anni e io che faccio la fame per niente, perchè il ricavato potrebbe aiutarmi ad aprire un’attività; ma è dura far capire ai sordi…ogni volta che lo faccio notare sempre con calma cercando di dare una mano, cercando di proporre un passo dopo l’altro, purtroppo trovo un muro e più vanno avanti con l’età e più sta peggiorando la cosa. Io non saprei che altro fare quando non c’è consapevolezza dall’altra parte. Cosa si può fare in questi casi?

  3. Maria on 11 luglio 2019 at 19:46 said:

    Io ho mia mamma l unica soluzione è vivere con loro o mettere una persona io da quando col matrimonio vivo lontano a mia mamma l aiuta una signora e vi dirò cn persone estranee la situazione migliora ma non si può risolverla..ci vorrebbero tesi di laurea in disposofobia

Rispondi a Jessica Annulla risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.