Conseguenze della Disposofobia sui figli

Sebbene non siano ancora stati fatti studi sistematici su figli di disposofobici e sugli impatti del disturbo sul loro benessere psicofisico una serie di dati suggerisce che gli effetti si mantengano in età adulta determinando difficoltà particolari in alcuni settori della vita personale e di relazione. Nel seguito sono elencati una serie di punti che derivano dall’evidenza clinica raccolta in familiari che hanno deciso di farsi accompagnare in un percorso di supporto una volta diventati adulti.

  • Bassa autostima
  • Senso di colpa
  • Evitamento sociale, isolamento
  • Organizzazione dello spazio e del tempo maniacale (DOC)
  • Preoccupazione e responsabilizzazione eccessiva
  • Anestesia emotiva
  • Stati dissociativi
  • Difficoltà attentive
  • Difficoltà di concentrazione
  • Sintomi ansiosi connessi alla presenza di estranei nella propria casa
  • Sintomi ansiosi al suono del campanello/citofono/telefono
  • Difficoltà connesse al tema del possesso (accumulo Vs. minimalismo)
  • Difficoltà a stabilire routine domestiche

One Thought on “Conseguenze della Disposofobia sui figli

  1. Jessica on 23 dicembre 2018 at 22:54 said:

    Io sono figlia di un’accumulatrice e pur avendo cercato in tutti i modi superarlo continuo a non avere piacere ad avere gente in casa, mi agito Se suona il campanello, Queste sono tutte conseguenze degli anni passati a nasconderlo e della vergogna che la gente entrasse in casa, anche adesso che ho una casa normalissima mi accorgo che mi sale la pressione e il cuore accelera, sudi quando c’è qualcuno che arriva che non è una persona della famiglia. Penso cosa pensi chi se ne accorge Perché mio disagio traspare ed a me non piace
    Non mi piacciono i posti con tanta gente proprio perché in un qualche modo si cresce isolati, se non vai tu dagli altri è molto difficile che gli altri vengono da te

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Social Widgets powered by AB-WebLog.com.